martedì 5 agosto 2008

RICORDI

E SCENDONO BIANCHE
DAGLI OCCHI ARGENTATI
LE LAGRIME OPACHE DE' TEMPI PASSATI
DI PICCOLI ANZIANI CHE RIDON PIANGENDO
FRUGANDO NEL BUIO
PIANGENDO E MORENDO
E FRUSCIANO FRONDE
TRA NERE TEMPESTE
LE ANTICHE BALERE
L'ODORE DI FESTE
RIVIVON RICORDI DI SPENTI SORRISI
OR VECCHIO CHE MUORI
RICORDA QUEI VISI
CHE GIUNGONO GRIGI
A QUELL'ULTIMO FOSSO
CHE INGHIOTTE LA VITA
E NON PROVA RIMORSO.

Nessun commento: